shadow

V Concorso Nazionale di Poesia “Padre Pino Puglisi” 2018. CLASSIFICA, TESTI DELLE POESIE VINCITRICI e VIDEO della Cerimonia di Premiazione. Vedi in dettaglio…

V CONCORSO NAZIONALE DI POESIA “PADRE PINO PUGLISI” 2018

 ORGANIZZATO DA: 

Parrocchia San Giorgio Martire –Caccamo; Arcidiocesi di Palermo; Parrocchia “San Gaetano” – “Maria ss. del Divino Amore”- Palermo; Associazione San Giorgio martire -Caccamo; Associazione “We can HOPE” –Termini Imerese.

QUI SOTTO IL VIDEO DELLA CERIMONIA DI PREMIAZIONE

POESIE VINCITRICI

SEZIONE A (poesia in lingua italiana)

1° CLASSIFICATA: ROSARIA LO BONO (Termini Imerese-PA): Il pane della vita

2° CLASSIFICATO: ANDREA LAZZARA (Marsala -TP): Vu’ cumprà

3° CLASSIFICATA EX AEQUO: GLORIANA SOLARO (Termini Imerese-PA): Tributo ad un uomo

3° CLASSIFICATA EX AEQUO: ROSA SCALETTA (Termini Imerese-PA): Altri uomini

SEZIONE B (poesia in vernacolo)

1° CLASSIFICATO: PAOLO LACAVA (Fabriano- AN): ‘N’athru diu (Un altro Dio)

2° CLASSIFICATO: ANGELO CANINO (Acri- CS): Munnu Amearu (Mondo amaro)

SEZIONE C (poesia in lingua siciliana)

1° CLASSIFICATA: GIUSY MAGIONE (Ciminna- PA): Pigghiami pa manu (Prendimi per la mano)

2° CLASSIFICATA: ROSARIA LO BONO (Termini Imerese-PA): Vulissi l’ali (Vorrei ali)

3° CLASSIFICATO: GAETANO LIA (Monterosso Almo- RG): L’ali di la libbirta’ (Le ali della libertà)

SEZIONE D (poesia religiosa in vernacolo o in lingua siciliana a tema libero)

1° CLASSIFICATO: ANTONIO BARRACATO (Cefalù -PA): Priera d’un patri (Imprecazione di un padre)

2° CLASSIFICATO: GIUSEPPE LA ROCCA (Trappeto -PA): Prighera (Preghiera)

3° CLASSIFICATA: GIUSY MAGIONE (Ciminna -PA):A tutti l’uri (A tutte le ore)

SEZIONE E JUNIORES

1° CLASSIFICATA: SERENA MARIA CAMPISI (Caccamo -PA): Per sempre ti ricorderemo 

2° CLASSIFICATO EX AEQUO: Scuola I.C.S. Barbera CLASSE IVB (Caccamo-PA): Splendida poesia 

2° CLASSIFICATA EX AEQUO: SIMONA RUSSO (Termini Imerese –PA): La mia famiglia 

3° CLASSIFICATO: Scuola I.C.S. Barbera- CLASSE VB (Caccamo-PA): La tua missione


TESTI DELLE POESIE VINCITRICI

SEZIONE A (poesia in lingua italiana)

1° CLASSIFICATA: ROSARIA LO BONO (Termini Imerese-PA): Il pane della vita

 Il pane della vita
Vorrei che il grano maturasse
nel campo arso della vita
 e diventasse pane
il pane di tutti e per tutti
non solo per coloro che come girasoli
si ergono sereni e fieri come re
cercando il loro sole,
egoisti, indifferenti
a chi vive nell’ombra e nel freddo
impantanato tra sporche acque
e tra i grovigli di una misera vita di stenti.
Vorrei che il grano maturasse
e diventasse pane
pane di misericordia e fratellanza
pane lievitato con i valori
valori che uniscono e non dividono
che allontanano l’odio ed il rancore
perdonando l’amico, il fratello, il genitore.
Vorrei che il grano maturasse
e diventasse pane
da spezzare con le mani rivolte al cielo
si che ogni piccola briciola
possa sfamare anche la formica
che silenziosa aspetta
passare il buio della notte
e la luce illumini e riscaldi
ogni angolo della terra
e che non siano più lacrime
di tristezza e disperazione
a dissetare il campo arso della vita
ma lacrime di gioia e sorrisi
di ogni colore, età e religione

2° CLASSIFICATO: ANDREA LAZZARA (Marsala -TP): Vu’ cumprà

Vu’ cumprà
Caro amico vu’ cumpra’
se ti senti disprezzato
non crucciarti, non temere,
siamo in fondo affratellati,
cittadini della terra.
Anche se un po’ più scuro
è il color della tua faccia,
io mi sento tuo fratello
siamo della stessa razza.
Tanta acqua ci divide
ma son simile più a te
che a italiani come me,
così alti, biondi e chiari
che a lor paragonarmi
quasi nero son pur io.
Non è certo dal colore
che si accoglie una persona
ma da ciò che ti può dare
fosse anche solo amore.
Prego allora, amata terra,
al tuo roseo domani,
senza sorta di frontiere
né di faide razziali.

3° CLASSIFICATA EX AEQUO: GLORIANA SOLARO (Termini Imerese-PA): Tributo ad un uomo

Tributo ad un uomo
Forza invisibile
il tuo sorriso,
fiore che nasce
tra le rocce…
carezzevole, risoluto,
ci parla dall’eternità.
Deprecabile il gesto
di quella mano cruenta,
mossa dai fili
dell’ ignobile ragnatela
tessuta sulle carenze sociali
della nostra comunità.
Tu, eroe
dello spirito evangelico,
hai dato voce al silenzio omertoso
di una grigia e marcia ideologia
che svende la dignità dell’uomo,
insulto al valore sacro della vita.
Tu, icona e fautore
di impegno etico e civile,
entri nella memoria collettiva,
testimone del dramma
della martoriata terra nostra,
intensa voce, ansiosa di giustizia,
che urla un corale
NO alla mafia.
Tu, martire
per aver anteposto
alla cultura della morte
il fresco profumo di libertà.
Sia il tuo sangue
lavacro di perpetrata
inumana atrocità,
quando nell’azzurro dell’orizzonte,
con le note armoniose
di un inno
alla giustizia e alla legalità,
si leveranno
i colorati aquiloni
della speranza.

3° CLASSIFICATA EX AEQUO: ROSA SCALETTA (Termini Imerese-PA): Altri uomini

Altri uomini
Era necessario che i tuoi sogni
salissero su un barcone
e che i tuoi desideri
si perdessero in un mare inconosciuto
che, crudele inconsapevole,
inghiotte una possibilità di vita,
la speranza di un’esistenza non vissuta.

Era necessario che i tuoi occhi
vedessero…

E noi spettatori immobili
bevessimo l’impotenza e la
rassegnazione.

Mentre tu, o uomo, abbandoni alle onde
i tuoi ultimi pensieri
e lasci agli eroi
il fardello di vite innocenti che…
…avrebbero voluto salvare…

E solo un pianto per consolare noi stessi…
E petali di un fiore di sangue
per ricordarti.

SEZIONE B (poesia in vernacolo)

1° CLASSIFICATO: PAOLO LACAVA (Fabriano- AN): ‘N’athru diu (Un altro Dio)

‘N’athru diu
Figgh’i ‘sta terra, frat’i chistu mundu,
mari cristiani, occhj spiritati,
tanti ‘ffucàti, si ndi calàr’ o fundu,
threm’a cuscienza, poviri migrati;

pirchì non sim’i’ stessi, tutt’anìti?
Povira genti, quasi mort’i’ vìu,
ma siti senza cori, n’e virìti ?
Cercun’aiutu, ‘nginocchiun’a Diu !

A ‘n’athru Diu, chi non est’u nosthru,
ma, piffaùri ramunci ‘na manu,
rrumpim’u’ pani, ramuncind’un mosthru,
sunnu schiantati, facimu chianu chianu;

virìti ? Vonnu stari cca cu’ nui,
e tanti non cia fannu, ‘chi non ponnu,
personalmenti, eu non sacciu vui,
cu’ iddhi mi spartissi pan’e sonnu !!

‘Mbrazamundilli, ‘chi simu tutti frati,
cu crìu ‘nt’a fratellanza, sempri crìu,
‘mbrazzamuli e vulamu iati iati…
… Chi ndi sapimu qual’esti … ‘U veru Diu !!!

2° CLASSIFICATO: ANGELO CANINO (Acri- CS): Munnu Amearu (Mondo amaro)

Munnu Amèaru;
A pùrbara ammùccia llu sudu,
i spèari si spànnini ‘ncìadu
s’ho scordèatu e da vita, u caduru,
chì è senza na mèana, chì senza nu pìadu.
 
Senza mangèari, i facci ‘ncavèati,
tintu destinu e quanni su nnèati,
dàssani tuttu, fùjini e notti,
accumpagnèati e di spèari e ddi botti.
 
Quatrèari chi chiàngini amèari,
intra a neglia ‘ncerca e di chèari,
alla faccia c’è scrittu u terrori
èani vistu ccu ll’ùacchji chi mori.
 
Arrivèati alla riva e du mèari,
ll’ho ppijèati li pochi suduri,
carrichèati cumi animèadi
jìani ‘ncerca e nu munnu a ccuduri.
 
Chi ha ffurtuna è arrivèatu alla riva,
chi u nni tena è ppastu e di pisci,
n’èatra pagina tinta si scriva
e ssu munnu c’ancora u ccapisci.
 
Ma, a cunnanna e chini è arrivèatu
u nn’è ffinita alla riva e du mèari,
chini e d’acqua ppe grazia è ssarbèatu,
tena ancora di cchi triburèari.
 
Chiusi a nna vàvuda cumi animèadi,
ccu ccancellèati e ffiarru spinèatu,
trattèati mèadi, supa d’èatru mèadi,
ppecchì ssu prìazzu chèaru paghèatu?
 
Aprimu d’uacchji, u nn’è llu quaranta,
quanni de fèama cci nn’era ttanta,
chissi su ttìampi de lu progressu,
ma c’è genti ch’e fèama mori llu stessu.
 
Oji Tu e lla ssupra, cànci’a cheapa allu dùardu
fa che di guerri sia ssudu ricùardu,
fa ca lu munnu, amassa tutti i cuduri,
fa chi regnassa lla pèaci e ll’amuru.
Mondo amaro
La polvere nasconde il sole,
gli spari rimbombano in cielo
si son scordati della vita, il calore
chi è senza una mano, chi senza un piede.
 
Senza mangiare, i visi incavati,
mero destino da quando son nati,
lasciano tutto, scappano di notte,
accompagnati da spari e da botti.
 
Bambini che piangono amaro,
nella nebbia in cerca dei cari,
sul viso c’è scritto il terrore,
hanno visto con gli occhi chi muore.
 
Arrivati alla riva del mare,
gli hanno preso quei pochi denari,
caricati come animali,
andavano in cerca di un mondo a colori.
 
Chi ha fortuna è arrivato alla riva,
chi non ne ha, è pasto dei pesci,
un’altra pagina nera si scrive,
di questo mondo che ancora non capisci.
 
Ma, la condanna di chi è arrivato,
non è finita alla riva del mare,
chi dall’acqua per grazia è salvato
ha ancora di che tribolare.
 
Chiusi in un recinto come animali,
con cancellate e filo spinato,
trattati male, su altro male,
perché questo prezzo caro pagato?
 
Apriamo gli occhi, non è il quaranta
quando di fame c’è n’era tanta,
questi sono tempi del progresso,
ma c’è gente che di fame muore 1o stesso.
 
Oh! Tu da lassù, cambia la testa al vile,
fa che delle guerre sia solo ricordo,
fa che il mondo, ami tutti i colori,
fa che regni la pace e l’amore.

SEZIONE C (poesia in lingua siciliana)

1° CLASSIFICATA: GIUSY MAGIONE (Ciminna- PA): Pigghiami pa manu (Prendimi per la mano)

Pigghiami pa manu
Pìgghiamu pa manu o matri bedda
vogghiu pi un mumentu turnari nicaredda
portami o jardinu a cogghiri li ciuri
pi ghinchiri la casa di sciaru e di culura
fammi li carizzi chini du tò affettu
tenimi o sicuru strincennumi a lu pettu
inchimi la facci cu un saccu di vasati
di zuccaru e cannella profumati
rammi a me pupidda ca vistinedda russa
poi mettini nto lettu, arisetta la cuperta
e prima ca i me occhi s’abbattinu a lu sunnu
riscemu una priera a lu Signuri
dicennu grazzi pi lu so granni amuri.
 
Pigghiami pa manu o patri caru
vogghiu pi un mumentu nica riturnari
portami unni u celu si tingi di culura
mentri u suli si nni scodda rarreri i vecchi casi
lassannu o lustru e luna la nuttata
portami pi strata a farimi jucari
poi na tò campagna a viriti zappari
cuntami lu cuntu pi farimi sunnari
e viriri ca u munnu in mugghiu pò canciari.
 
Ratimi li manu c’aviti ormai arrappati
ca a strata ch’era chiana ora è tutta na muntata
è ura ca l’amuri narreri và tturnari
e ora pi la manu sugnu iò chi và purtari.
Prendimi per la mano
Prendimi per la mano o madre bella
voglio per un momento tornare bambina
portami al giardino a cogliere i fiori
per riempire la casa di profumi e di colori
fammi carezze piene del tuo affetto
tienimi al sicuro stringendomi al tuo petto
riempimi la faccia con tanti baci
di zucchero e cannella profumati
dammi la mia bambola col vestitino rosso
poi mettici a letto e sistema la coperta
e prima che i miei occhi si chiudono nel sonno
diciamo una preghiera al Signore
dicendo grazie per il suo grande amore.
 
Prendimi per la mano o padre caro
voglio per un momento bambina ritornare
portami dove il cielo si tinge di colori
mentre il sole scompare dietro le vecchie case
lasciando il chiarore della luna alla nottata
portami per strada a farmi giocare
poi nella tua campagna a vederti zappare
contami un racconto per farmi sognare
e vedere che il mondo in meglio può cambiare.
 
Datemi le mani che avete ormai raggrinzite
che la strada ch’era piana ora è tutta una salita
è l’ora che l’amore indietro vi devo tornare
ed ora per la mano sono io che vi devo portare.

2° CLASSIFICATA: ROSARIA LO BONO (Termini Imerese-PA): Vulissi l’ali (Vorrei ali)

Vulissi l’ali
Taliu u mari
e un gabbianu
supra di iddu planari
e si fa sempri granni
u me disiu di vulari
fora di sti quattru mura
e sulu pi nu jornu gudiri
di li biddizzi du criatu
vulari ammuttatu du ventu
passari li muntagni javuti
vulari libbiru e cuntentu
senza mura e scaluna
senza nuddu ‘mpidimentu.
Mi taliu ‘n tunnu
pruvannu duluri prufunnu
vulissi ali pi vulari
supra lu pratu du to cori
vulari cu tia di ciuri in ciuri
nta na primavera d’amuri
vulari cu tia javutu ‘n celu
ntra li stiddi e la luna
magari supra n’arcobalenu
unni regna la paci e lu sirenu.
Assittatu supra sta seggia a rotelli
affidu a lu ventu
li me paroli d’amuri
e ti dichiaru u me sintimentu
puru si nun haiu ali pi vulari
e mancu jammi pi caminari
haiu un cori granni ca sapi
e ti vulissi tantu amari
ma mi vriognu
picchì pi tanti nun sugnu nurmali.
Vorrei ali
Guardo il mare
e un gabbiano
sopra di lui planare
e si fa sempre più grande
il mio desiderio di volare
fuori da queste quattro mura
e solo per un giorno godere
delle bellezze del creato
volare spinto dal vento
passare le montagne alte
volare libero e contento
senza muri e gradini
senza nessun impedimento.
Mi guardo intorno
provando dolore profondo
vorrei ali per volare
sopra il prato del tuo cuore
volare con te di fiore in fiore
in una primavera d’amore
volare con te alto nel cielo
tra le stelle e la luna
magari sopra un arcobaleno
dove regna la pace ed il sereno.
Seduto su questa sedia a rotelle
affido al vento
le mie parole d’amore
e ti dichiaro il mio sentimento
pure se non ho le ali per volare
e neppure le gambe per camminare
ho un cuore grande che sa
e ti vorrebbe amare
ma mi vergogno
per tanti non sono normale

3° CLASSIFICATO: GAETANO LIA (Monterosso Almo- RG): L’ali di la libbirta’ (Le ali della libertà)

L’ali di la libbirta’
Sula ppi mari và na varca ranni
china di figghi ncerca di sarvizza
na sula spranza tra milli dummanni
tuccari terra… l’unica cirtizza
 
nmenzu lu mari sbatti lu varcuni
pari ca l’unni tirunu a la sorti
mentri ogni figghiu pigghia a muzzicuni
l’urtimu çiatu prima di la morti.
 
Milli prieri nfocunu lu scuru
mentri lu celu cianci di duluri
nu picciriddu sulu e menzu nuru
chiama la matri chinu di tirruri
 
matri matruzza stringimi cchiù forti
nun mi lassari sulu nta stu mari
nun sugnu prontu ancora ppi la morti
ma già la sentu ca mi vò pigghiari.
 
Nun ti scantari figghiu di lu cori
sugnu ccu tia nmenzu a la timpesta
chistu è lu mari unni a genti mori
ma ppi tia nvenci oggi sarà festa
 
viri sti unni ca fanu scantari
su’ l’ali ranni di la libbirtà
e ccu sta varca ti fanu vulari
versu lu munnu… ca la paci dà!
Le ali della libertà
Sola per mare va una barca grande
piena di figli in cerca di salvezza
una sola speranza tra mille domande
toccare terra… l’unica certezza
 
in mezzo al mare sbatte il barcone
sembra che le onde tirino alla sorte
mentre ogni figlio prende a morsi
l’ultimo fiato (respiro) prima della morte.
 
Mille preghiere infiammano il buio
Mentre il cielo piange di dolore
Un bambino solo e mezzo nudo
Chiama la mamma pieno di terrore
 
mamma mammina stringimi più forte
non mi lasciare solo in questo mare
non sono pronto ancora per la morte
ma già la sento che mi vuole prendere.
 
Non ti spaventare figlio del (mio) cuore
sono con te in mezzo alla tempesta
questo è il mare dove la gente muore
ma per te invece oggi sarà festa
 
vedi queste onde che fanno spaventare
sono le ali grandi della libertà
e con questa barca ti fanno volare
verso il mondo… che la pace dà!

SEZIONE D (poesia religiosa in vernacolo o in lingua siciliana a tema libero)

1° CLASSIFICATO: ANTONIO BARRACATO (Cefalù -PA): Priera d’un patri (Imprecazione di un padre)

Priera d’un patri
Quantu vuccati amari
e quantu prieri,
vi supplicu Signuri
sintiti sti me peni.
 
Facitimi ‘nna grazia
ca tegnu intra u cori,
ca mi ‘ncatina l’anima
e nun mi duna paci.
 
Nun vogghiu ricchizzi,
né casi, né palazzi,
ma d’un poviru figghiu ‘nuccenti
vi dumannu nutizii.
 
Genti senza cuscenza
si l’arrubbaru di notti,
unn’avi curpa u carusu
è sulu un picciriddu.
 
A liggi va avanti
inchiennu sempri carti,
e la giustizia umana
nun duna frutti.
 
Sulu tu Patri Onnipotenti,
ca trasi no cori
e na menti da genti,
mi po’ livari di sti turmenti.
 
Ascuta stu vecchiu
chi capiddi bianchi,
ca conusci da vita
ormai troppu ‘nganni.
 
Dimmi Signuri
prestu ogni verità,
sugnu e to peri a dinucchiuni
e ti dumannu pietà.
Imprecazione di un padre
Quante boccate amare
e quante preghiere,
vi supplico Signore
sentite queste mie pene.
 
Fatemi una grazia
che tengo dentro il cuore,
che mi incatena l’anima
e non mi dà pace.
 
Non voglio ricchezze,
né case, né palazzi,
ma di un povero innocente
vi domando notizie.
 
Gente senza coscienza
l’hanno rapito di notte,
non ha colpa il ragazzo
è solo un bambino .
 
La legge va avanti
e crea sempre carte,
e la giustizia umana
a niente serve.
 
Solo tu Padre Onnipotente,
che entri nel cuore
e nella mente della gente,
mi puoi togliere da questi tormenti.
 
Ascolta questo vecchio
con i capelli bianchi,
che conosce della vità
ormai troppi inganni.
 
Dimmi Signore
al più presto ogni verità,
sono ai tuoi piedi in ginocchio
e ti domando Pietà.

2° CLASSIFICATO: GIUSEPPE LA ROCCA (Trappeto -PA): Prighera (Preghiera)

Prighéra
Stanotti ‘un mi po’ sonnu.
Assittatu ntô balcuni,
na cupirtedda contru ‘u sirenu dâ notti,
guardu ‘i luci dî casi dâ costa:
trimulianu dintra ‘u mari.
Na mezza duzzina di lampari,
lumina annacati di l’unni.
Poi guardu ‘u cielu puntiatu di stiddi
lucenti comu chiddi di certi nuttati d’estati
passati supra ‘a mezzaluna di pagghia,
ca ‘u ventu avia divisu dÛ furmentu.
Mi ricordu ‘i raccumannazioni di me’ nanna:
“Fatti ‘a cruci e ditti ‘i cosi di Diu”,
e iu, nicareddu, facennumi ‘a cruci,
a modu miu arricciuliava na prighéra,
ammiscannu Santi, Angili e Madonna.
Aumentannu l’anni, diminueru ‘i prigheri.
Poi fineru.
Ora di vita ê spaddi nn’haiu tanta,
haiu cangiatu anni cu saggizza.
I stiddi trimuliano stanotti,
li guardu fissamenti e ‘un li viu,
si perdinu supra ‘i nuvuli ‘i pinzera,
m’arritrovu a diri ‘na prighera.
Preghiera
Questa notte non riesco a dormire.
Seduto net balcone,
una copertina contro l’umidità della notte,
guardo le luci delle case della costa:
tremolano dentro il mare.
Una mezza dozzina di lampare,
lumini cullati dalle onde.
Poi guardo il cielo punteggiato di stelle
brillanti come quelle di certe nottate d’estate
passate sopra la mezzaluna di paglia,
che il vento aveva diviso dal frumento.
Mi ricordo le raccomandazioni di mia nonna:
“Fatti la croce e dici le cose di Dio”,
e io, bambino, facendomi la croce,
a modo mio raffazzonavo una preghiera
mescolando Santi, Angeli e Madonna.
Aumentando gli anni, sono diminuite le preghiere.
Poi sono finite.
Ora di vita alle spalle ne ho tanta,
ho barattato anni con saggezza.
Le stelle tremolano stanotte,
le guardo fissamente e non le vedo,
si perdono oltre le nuvole i pensieri,
mi ritrovo a dire una preghiera.

3° CLASSIFICATA: GIUSY MAGIONE (Ciminna -PA):A tutti l’uri (A tutte le ore)

A tutti l’uri
Pirdunami, si ti chiamu a tutti l’uri
scurdannu lu chiffari ca tu teni
ca di la ggenti attenti sempri
tutti li loru peni e li turmenti.
Pirdunami, si nta fatia di lu jornu
mumenti di siddiu acchiappanu u me cori
si inchi ataliata di fulinii
a menti di pinzeri poi smania
ma basta chiamari lu tò nomu
e di li peni paru alliggiriri
mi inchiu di curaggiu e cu cchiù forza
supportu li me dispiaciri,
e quannu lu jornu si metti pi finiri
e li stiddi puntianu lu scuru
chiamu ancora lu tò nomu o Vergini Maria
cu firi e divuzzioni,
fammi sunnari un celu senza ‘nfruscatura
campagni virdi chini di ciuri
fammi sunnari Diu ca è Patri Granni
ca dall’autu mi binirici e m’accumpagna
pi li strati sbirsirati di sta vita
china d’inganni.
A tutte le ore
Perdonami, se ti chiamo a tutte le ore
dimenticando quanto hai da fare
che della gente ascolti sempre
tutte le loro pene e i tormenti.
Perdonami, se durante la fatica del giorno
momenti di tristezza s’impadroniscono del mio cuore
si vela lo sguardo come di ragnatele
la mente di pensieri s’affolla
ma basta chiamare il tuo nome
e delle sofferenze sembro alleggerire
mi riempio di coraggio e con più forza
sopporto i miei dispiaceri,
e quando il giorno sta per finire
e le stelle punteggiano il buio
chiamo ancora il tuo nome o Vergine Maria
con fede e devozione,
fammi sognare un cielo sereno
campagne verdi piene di fiori
fammi sognare Dio che è Padre Grande
che dall’alto mi benedice e mi accompagna
per le strade tortuose di questa vita
piena d’inganni.

SEZIONE E JUNIORES

 1° CLASSIFICATA: SERENA MARIA CAMPISI (Caccamo -PA): Per sempre ti ricorderemo  

Per sempre ti ricorderemo
O Padre Pino
stacci vicino
ancora oggi
il tuo sorriso
ci parla del Paradiso.
Tutti a Brancaccio
ti dicevano pazzo,
ed eri pazzo
pazzo d’amore
per il tuo Creatore.
Dona a noi
che siamo quaggiù
di lottare
per un mondo migliore,
pregalo tu il nostro Signore
perché possa cambiare
il nostro cuore.
Donando i sorrisi alla gente
noi ti ricorderemo
per sempre.
Dacci una mano
o dolce Beato
perché noi possiamo darla
a chi ci è vicino,
illumina il cielo
con la tua santità
e crederemo
nella verità;
senza violenza
ed arroganza
troveremo il cielo
anche in una stanza
e con la tua
intercessione
voleremo in alto
come un aquilone

2° CLASSIFICATO EX AEQUO: Scuola I.C.S. Barbera CLASSE IVB (Caccamo-PA): Splendida poesia

Splendida “poesia”

Ho un dono speciale
che devo “coltivare”
si chiama “famiglia”:
che meraviglia!
Quanti sogni
nascono in essa,
e, sempre più,
cresce con me
la gioia di apprezzare
quel punto di unione,
di forza, di coraggio
che illumina i visi
di quanti han compreso
che senza famiglia
non vi è ricchezza.
Andiamo
per la stessa via,
dove l’amor
concede il sorriso,
dove ogni ferita
trova guarigione,
dove ogni carezza
diventa emozione.
Sei tu il conforto,
sei tu la vera letizia,
sei tu “famiglia”
una splendida
“poesia”!

 2° CLASSIFICATA EX AEQUO: SIMONA RUSSO (Termini Imerese –PA): La mia famiglia 

La mia famiglia

Una cosa chiedo sempre,
al Buon Dio Onnipotente,
che preservi in ogni istante
il tesoro mio più grande:
la famiglia assai speciale
che mi ha dato
e in cui abitare.
Sempre pronta ad aiutare,
comprensiva
e assai leale.
Di pazienza ce n’è tanta,
tenerezza ancor di più;
di risate in abbondanza,
da sembrare sempre in vacanza!
La tristezza lascia il posto
al sorriso ad ogni costo;
la preghiera non può mancare,
per gli ostacoli superare
e alla “luce” sempre restare.
Gli occhi lucidi di mia mamma
ogni tanto li ho intravisti,
ma poi subito papà
sdrammatizza e finisce là…..
Io 1o so che di problemi
ce ne sono in quantità,
ma so anche che “il sorriso
mai nessuno ce lo toglierà”.

3° CLASSIFICATO: Scuola I.C.S. Barbera- CLASSE VB (Caccamo-PA): La tua missione

La tua missione
Pellegrini in questa
amata terra…
Se guardiamo
a noi stessi
o ad una rosa
che sboccia la sera
non troviamo
la felicità
che tanto desideriamo.
Ma quando lo sguardo
a te volgiamo
i nostri occhi
s’illuminano:
Famiglia!
Quanto è grande
la tua missione
in un mondo
che corre verso
i sentieri più oscuri.
Sei tu
quel porto sicuro,
quel sole luminoso
che con i tuoi
raggi d’amor
ti apri ad accogliere
il battito di ogni cuor,
che vive la gioia,
che vive il dolor
Quanta comprensione!
Nelle tue braccia
vince il perdono,
e la tua carezza
giunge di conforto
quando la sera
la nostra speranza
diventa certezza
guardando
al tuo…Amor!


 

 

Catechesi di Adriana Sorci sul tema “LA RAGAZZA CHE DANZA” e presentazione del libro GIOVANI E VANGELO, presso la Parrocchia Maria SS. delle Grazie-Palermo. 31-05-2018

Catechesi itinerante per i giovani.
Catechesi di Adriana Sorci

sul tema “LA RAGAZZA CHE DANZA”

e presentazione del libro GIOVANI E VANGELO. In cammino verso il Sinodo 2018,

presso la Parrocchia Maria SS. delle Grazie-Palermo. 31-05-2018

 

Video La ragazza che danza. Catechesi di Adriana Sorci, 31-05-2018 presso la Parrocchia Maria SS. delle Grazie-Palermo from San Giorgio Caccamo on Vimeo.

GIOVANI E VANGELO. In cammino verso il Sinodo 2018


 

Catechesi di Maria e Martin Milone e Maria Pina Fadale sul tema “LA GIOVANE PORTINAIA” e presentazione del libro GIOVANI E VANGELO, presso la Parrocchia Maria SS Madre della Chiesa, Palermo. 10-05-2018

Catechesi itinerante per i giovani.
Catechesi di Maria e Martin Milone e Maria Pina Fadale
sul tema “LA GIOVANE PORTINAIA” e

presentazione del libro GIOVANI E VANGELO,

presso la Parrocchia Maria SS Madre della Chiesa, Palermo. 10-05-2018

 

Video “La giovane portinaia” Catechesi itinerante per i giovani di Maria e Martin Milone e Maria Pina Fadale, 10-05-2018 from San Giorgio Caccamo on Vimeo.

Giovani e Vangelo. In cammino verso il Sinodo 2018


 

“UN DIO CHE SI COMMUOVE”. Catechesi itinerante per i giovani di don Tiago Gurgel, Venerdì 15 giugno 2018 alle ore 21.00 presso la Parrocchia “Nostra Signore della Consolazione” -Via dei cantieri, 66, Palermo e presentazione del libro “Giovani e Vangelo. In cammino verso il Sinodo 2018”. Vedi in dettaglio…

Un Dio che si commuove

Catechesi itinerante per i giovani 
di don Tiago Gurgel

Venerdì 15 giugno 2018 alle ore 21.00
Parrocchia “Nostra Signore della Consolazione” 
Via dei cantieri, 66, Palermo

& Presentazione del libro “Giovani e Vangelo. In cammino verso il Sinodo 2018”

Con scrittura scorrevole e taglio agile, dieci autori commentano i passi del Vangelo nei quali i giovani sono protagonisti e al contempo destinatari.

Autori: Domenico Messina, Maria Fina e Ignazio Tabone, Maria Pina Fadale, Maria e Martin Milone, Paolo Curtaz, Tiago Gurgel, Adriana Sorci, Enza Maria Mortellaro.

Casa Editrice We Can Hope, Termini Imerese (PA)

Per informazioni sul libro:
https://www.wecanhope.it/book/giovani-e-vangelo/
mail: wecanhope1@gmail.com 
cell: 339 1631564

VIDEO: CATECHESI ITINERANTE PER I GIOVANI. CATECHESI DI ENZA MARIA MORTELLARO SUL TEMA IL GIOVANE VESTITO D’UNA VESTE BIANCA E PRESENTAZIONE DEL LIBRO GIOVANI E VANGELO, PALERMO 26 APRILE 2018.

CATECHESI ITINERANTE PER I GIOVANI.

CATECHESI DI ENZA MARIA MORTELLARO SUL TEMA

IL GIOVANE VESTITO D’UNA VESTE BIANCA

E PRESENTAZIONE DEL LIBRO GIOVANI E VANGELO,

PARROCCHIA SANTA TERESA DEL BAMBIN GESÙ, PALERMO 26 APRILE 2018.

video-Catechesi di Enza Maria Mortellaro sul tema IL GIOVANE VESTITO D’UNA VESTE BIANCA from San Giorgio Caccamo on Vimeo.

DOMENICA 13 MAGGIO 2018 La Parrocchia “San Giorgio Martire” e l’Associazione Ciclistica “Monte Rotondo” di Caccamo con il patrocinio dell’Opes Sicilia organizzano il VI Raduno Ciclistico “Padre Pino Puglisi”. Raduno in Piazza Duomo alle ORE 8.45. Vedi in dettaglio…

La Parrocchia “San Giorgio Martire” e l’Associazione Ciclistica “Monte Rotondo” di Caccamo con il patrocinio dell’Opes Sicilia organizzano

il VI Raduno Ciclistico “Padre Pino Puglisi”

DOMENICA 13 MAGGIO 2018
Ore 8.45 Raduno in Piazza Duomo, verifica iscrizioni, 
consegna gadget. 
Ore 9.15 “Pedaliamo insieme” passeggiata ciclistica per le vie cittadine.

Raduno e conclusione in Piazza Duomo.

CLICCA QUI PER SCARICARE LA SCHEDA D’ISCRIZIONE

 

“La giovane portinaia” Catechesi itinerante per i giovani di Maria e Martin Milone e Maria Pina Fadale. Giovedì 10 MAGGIO 2018 alle ore 21.00 presso la Parrocchia “Maria SS. Madre della Chiesa” Piazza San Marino, (viale Francia), Palermo e presentazione del libro “Giovani e Vangelo. In cammino verso il Sinodo 2018”. Vedi in dettaglio…

La giovane portinaia

Catechesi itinerante per i giovani 
di Maria e Martin Milone e Maria Pina Fadale

Giovedì 10 maggio 2018 alle ore 21.00 
Parrocchia “Maria SS. Madre della Chiesa” 
Piazza San Marino, (viale Francia), Palermo

& Presentazione del libro “Giovani e Vangelo. In cammino verso il Sinodo 2018”

Con scrittura scorrevole e taglio agile, dieci autori commentano i passi del Vangelo nei quali i giovani sono protagonisti e al contempo destinatari.

Autori: Domenico Messina, Maria Fina e Ignazio Tabone, Maria Pina Fadale, Maria e Martin Milone, Paolo Curtaz, Tiago Gurgel, Adriana Sorci, Enza Maria Mortellaro.

Casa Editrice We Can Hope, Termini Imerese (PA)

Per informazioni sul libro:
http://www.wecanhope.it/
mail: wecanhope1@gmail.com 
cell: 339 1631564